Metro 4: l’Europa, i cantieri e gli alberi, facciamo chiarezza. Parte seconda

Model

In questi giorni di rientro post-vacanziero stiamo assistendo alla più alta concentrazione di articoli sulla metro 4 sui principali quotidiani che trattano la cronaca milanese. Sabato 3 settembre ben tre articoli nella sezione Milano de “La Repubblica” online, giusto per fare un esempio. Poi dossier di Paola D’Amico sul “Corriere della Sera” (a proposito il tram 27 non è stato deviato) e altri su “Il Giorno” e testate locali. Tutti gli articolo vertono, sostanzialmente, sui danni provocati dai cantieri che molti sostengono essere mal progettati, enormemente e ingiustificatamente estesi, impattanti fuori da ogni misura in una sorta di connubio tra pigrizia e incapacità dei progettisti, megalomania dei costruttori, e un pizzico di pura cattiveria (nessuno l’ha scritto, ma siamo certi che l’hanno pensato). In fondo gli alberi sarebbero stati abbattuti in gran numero per fini speculativi legati ad ambienti di derivazione mafiosa. Ma torniamo alla realtà dei fatti. I cantieri della metro 4, ripensati al decimo di millimetro al fine di ridurre perfino ogni millimetro quadrato che non fosse utile e fonte di contestazioni infinte, non hanno nulla di diverso rispetto alla prassi mondiale e, nello specifico, europea.

Ritorniamo quindi a Copenhagen, città dove è stata costruita la prima delle metropolitana gemelle della Metro 4. Riassumiamo i dati:

COPENHAGEN: M1/2 apertura dall’anno 2002, 20,4km, 22 stazioni, in costruzione 2° linea con 19 stazioni.

BRESCIA: apertura anno 2013, 13,7km, 17 stazioni.

MILANO: M5, apertura anno 2013-2015, 12,9km, 19 stazioni.

RIYAD: Prince Noura University, in realtà un sistema di trasporto interno ad un campus universitario accessibile solo alle donne. Apertura 2011, 10km, 14 stazioni.

ROMA: la famigerata Linea C, una versione “pesante” della metro Ansaldo, pertanto differente per stile e dimensioni dalle altre. Unico dettaglio, ma sostanziale, l’uso per la costruzione del “general contractor” al posto del “project financing” con le conseguenze ormai note.

In costruzione:

MILANO: M4, apertura 2022,

TAIPEI: Circular Line 6, apertura imminente, 34,5km, 29 stazioni.

SALONICCO: apertura 2020, 9,6km, 13 stazioni.

A Copenhagen la metro “made in Italy”, costruita da imprese italiane, con treni italiani della ex-Ansaldo, gestita da ATM, ha avuto subito un tale successo e apprezzamento che si è immediatamente avviata la procedura per realizzare la seconda linea, un anello intorno al centro storico della città danese.

metro_copenhagen_mappa_2016_1

E come viene realizzato questo “anello” metropolitana? Ne avevamo anticipato qualche immagine nel primo post di questa

serie, dove dalle foto satellitari di Google Earth si poteva chiaramente vedere che anche nella città scandinava regina dell’eco compatibilità e del vivere green, quando si  deve costruire una metro si tagliano gli alberi. E’ un sacrificio, nessuno lo nega, ma visto in un’ottica dove gli alberi possono e devono ritornare dov’erano e in numero maggiore per compensare la loro giovane età (cosa comunque momentanea). Inoltre anche a Copenhagen i cantieri lambiscono gli edifici residenziali e non, inclusa la cattedrale della città, con i cantieri praticamente attaccati. Quindi o anche a Copenhagen gli amministratori sono perfidi e cattivi, e i costruttori e i progettisti pigri e svogliati, o qualche interpretazione va rivista. Quello che è diverso a Copenhagen è la gestione delle cesate, come anticipato da “La Repubblica” in questo articolo, ma siamo sicuri che questo basti a rivoluzionare il tutto? Noi crediamo che quello che manchi siano, per esempio, i due punti informativi che da ormai parecchi mesi vengono dati per imminenti. Certo prima mancava un contratto formale tra Comune e MM, che è arrivato a fine maggio, poi è arrivata l’ANAC di Cantone e le cose si sono di nuovo complicate, ovviamente a spese di chi? Del cittadino che, una volta meglio informato, potrebbe comprendere facilmente sia le scelte progettuali e di cantiere, sia gli enormi benefici che la metro 4 poterà alla città.

Stazione SKJOLDS prima e dopo:

SKJOLDS_PRE

SKJOLDS_POST

NORREBROS RUNDELL_PRE

Stazione NORREBROS RUNDELL prima e dopo:

NORREBROS RUNDELL_POST

La centralissima stazione KONGENS NYTORV prima e dopo (in basso a sx la stazione della prima linea):

KONGENS NYTORV_PRE

KONGENS NYTORV_POST

Stazione GAMMEL STRAND prima e dopo, con in basso il palazzo reale:

GAMMEL STRAND_PRE

GAMMEL STRAND_POST

Manufatto di bivio prima e dopo; in Italia sarebbe scoppiata la rivoluzione per un cantiere del genere:

BIVIO_PRE

BIVIO_POST

Cantiere presso la stazione Centrale, palazzi lambiti dalle cesate e tre strade chiuse:

CENTRALE_POST

Il cantiere proprio dietro il Duomo, stazione MARMORKIRKEN:

MARMORKIRKEN_POST

Treno della metro di Copenhagen:

Metrotrain

Un piccolo extra curioso, il treno della metro di Riyad e la foto satellitare dell’impianto:

riyadh_bodyprince noura metro

 

NUOVA: PAGINA FACEBOOK

TWITTER: @metroxmilano e #metro4subito

AGGIORNAMENTI:

METROPOLITANA 4 BLU CLICCA QUA

PETIZIONE PRO METRO 4 CLICCA QUA

PETIZIONE PER UNA FERMATA M4 A BUCCINASCO CLICCA QUA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...