M5 – Finalmente l’apertura della seconda tratta

Con 2 giorni di anticipo rispetto all’inaugurazione di Expo 2015, il Comune di Milano e ATM hanno aperto la seconda tratta della linea M5 da San Siro Stadio, che diventa il nuovo capolinea, a Garibaldi FS-M2.

Con l’inizio dell’operatività di questa tratta, la M5 raggiunge la lunghezza di 12,9 km e conta 14 stazioni: sono state aperte al pubblico infatti le stazioni di San Siro Stadio, San Siro Ippodromo, Segesta, Lotto M1 e Domodossola. Le rimanenti 5 stazioni (Monumentale, Cenisio, Gerusalemme, Tre Torri e Portello, che porteranno il totale della linea a 19 fermate) saranno aperte entro la fine dell’Expo, a ottobre 2015. A Tre Torri è presente un “camerone” per il rimessaggio e la manutenzione dei convogli.

Si tratta di un’importante giornata per il sistema metropolitano milanese: finalmente si vede la conclusione di un lungo percorso che ha portato alla realizzazione della linea Lilla e soprattutto si superano i 100 km di linee metropolitane. Milano comincia finalmente ad avere una densità di metropolitane pari a molte città europee.

Le stazioni della seconda tratta ricalcano il layout e le finiture di quelle già viste nella prima tratta, anche se è evidente una maggiore cura nella scelta dei materiali e nella loro posa. Rimangono alcune scelte di stile, finiture e colori non coerenti tra loro e con il resto della linea come ad esempio la molteplicità di colori utilizzati (magenta per porte ed elementi tecnici e corrimano, lilla per i corrimano della seconda tratta, beige per le pareti, grigio scuro e rosso mattone per scale e pavimenti).

Discorso a parte merita la stazione di San Siro Stadio, in cui per evidenti motivi di afflusso e gestione dei tifosi dello stadio è stato realizzato un ingresso con copertura e pareti metalliche che funge da prefiltraggio attraverso dei tornelli simili a quelli dello stesso stadio. Questi varchi permetteranno l’accesso di 500 persone per volta, impedendo il sovraffollamento sia nel mezzanino che al piano dei binari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *