Metro 4: nuovo incontro con l’assessore Maran. Il resoconto.

Immagine decorativa

mm4_corografia_2014_11

Nel nostro nuovo incontro con l’assessore Maran è stato possibile fare il punto sullo stato attuativo del progetto della metro 4. In sintesi abbiamo quattro diverse situazioni:

1)Tratta Expo (Linate-Forlanini FS) dove tutto procede senza variazioni di rilievo. Buone notizie sul fronte del Pratone: il Comune ha definitivamente dato mandato alla società Metro 4 di procedere all’esproprio e all’acquisto dell’area che fino all’avvio dei lavori, costava al comune 100.000 euro di affitto all’anno. In questo ambito è stato confermato che su una porzione del tunnel scavato a cielo aperto verrà a breve gettato il solaio e verrà completato il rinterro garantendo il ripristino di circa il 50% del giardino prima esistente.

2)Tratta est (Forlanini FS-Tricolore), nella prima settimana di maggio dovrebbe arrivare l’autorizzazione della sopraintendenza sulle variazione dei cantieri, le quali permetteranno di ridurre ulteriormente di alcune decine gli alberi da abbattere. La sopraintendenza, visto l’alto interesse suscitato dalla vicenda, ha voluto fare un scrupoloso esame del progetto. Una volta ottenuta l’approvazione, e quindi anche quella paesaggistica regionale, ci vorranno ancora 10/15 giorni per l’avvio definitivo dei cantieri. Nel frattempo sono state avviate le pratiche di esproprio temporaneo necessarie per avviare i cantieri, anche se in questo caso si tratta di un numero molto esiguo di edifici, visto l’ampiezza dell’asse viario su cui insisteranno i cantieri. Ci viene confermato che per quanto riguarda Dateo, l’avanzamento è in regola con i tempi previsti. L’amministrazione si sta anche adoperando per concludere l’operazione di controllo presenza ordigni (BOB) entro l’estate di quest’anno, per recupare parte del tempo perso in attesa delle autorizzazioni paesaggistiche.

3)Tratta ovest (Solari-Bolivar), in questo caso le varianti sono sostanziali. L’assessore ci conferma che l’intenzione è quella di raddoppiare le talpe di diametro maggiore che realizzeranno i tunnel tra Solari e San Babila per velocizzare il tutto e permettere la sostituzione del trasporto terra via TIR con quello via nastro-trasportatore all’interno dei tunnel provenienti da San Cristoforo, come suggerito dai tecnici del Comitato Solari. Maran conferma ancora una volta che la modifica non varierà gli 88 mesi il cui conteggio è iniziato a gennaio 2015, né varierà il costo dell’opera; su questo le banche finanziatrici sono severissime (e costosissime). Nel frattempo è stato anche spostato il vano della stazione Solari verso il centro della carreggiata di via Foppa, per evitare il contatto con gli edifici residenziali. Sono state studiate modifiche anche per le stazioni Foppa (angolo via California) e Washington-Bolivar per ridurre l’interruzione del traffico privato a solo un anno. Tutto ciò però produce una modifica sostanziale che potrebbe richiedere, oltre al voto della giunta comunale (che si terrà probabilmente in giugno) anche un passaggio al CIPE (ovvero il Governo nazionale). Fortunatamente le modifiche riguardano parti dell’opera che non verranno avviate prima di due anni, lasciando i margini per un’approvazione, che, come di consueto, non è mai rapidissima. Nel frattempo saranno comunque avviati tutti i cantieri entro l’autunno del 2015, iniziando non solo con lo spostamento dei sottoservizi ma anche con lo scavo dei vani stazioni e degli altri manufatti che rimangono sostanzialmente identici al progetto già approvato. E’ in corso anche lo studio per risolvere i problemi segnalati dagli esercizi commerciali che verranno penalizzati dai cantieri. Si sta ipotizzando sia un bando per un aiuto economico (una volta ridotti in numero grazie alle modifiche sarà possibile parlare di cifre realistiche), sia tramite la realizzazione di spazi alternativi per la durata dei cantieri.

4)Tratta ovest esterna (Bolivar-San Cristoforo). In questo caso oltre ai due cantieri già avviati, Segneri e Frattini, e dove si sta procedendo allo spostamento dei servizi, verranno anche avviati gli ultimi due cantieri in aree delicate (Tolstoj e Gelsomini). Per quanto riguarda Tolstoj la stazione è stata spostata di 10 metri verso sud per evitare il blocco del passo carraio che immette in un parcheggio privato da 300 posti auto. L’assessore sottolinea con rammarico l’episodio increscioso che ha visto l’avvio della procedura di esproprio basata sul vecchio progetto, comunque immediatamente annullata.
Per quanto riguarda il resto della linea, ovvero la tratta centrale, ci viene confermato che l’avvio avverrà subito dopo l’Expo, e che non sono stati riscontrati particolari problemi riguardo il verde, assai scarso nelle aree interessate.

Per quanto riguarda i ricorsi al TAR, manca ancora la sentenza del contenzioso con il secondo arrivato nella gara d’appalto, la ditta Pizzarotti di Parma, di cui è già stata completata l’udienza. Mentre in accordo con il Comune, il comitato Solari ha rinviato l’udienza per il relativo ricorso, in attesa che a giugno la giunta approvi le modifiche richieste.

Ci è stato anche garantivo, sul fronte ambientale, che il Comune ha anche commissionato uno studio sulle alberature, avviando sia un complesso iter autorizzativo per il taglio fuori stagione dei Platani, per la tutela del Cancro Colorato che colpisce questi alberi, sia ha fatto effettuare una verifica sulle nidificazioni constatandone già l’assenza lungo l’asse di viale Lorenteggio. L’assessore ha anche confermato che nel caso della stazione Forlanini FS è stato attivato un iter, coinvolgendo il relativo comitato, per l’estensione e il miglior collegamento del Parco Forlanini con la città.

E’ stato anche introdotto il grande tema della connessione tra metro 4 e metro 3 a Crocetta. Il capitolo non solo non è chiuso, ma è stato ora realmente aperto, a seguito della pressione pubblica a riguardo. Questo tema sarà oggetto di una campagna della nostra associazione nei prossimi mesi.

Sul fronte della comunicazione, è stata ipotizzata la realizzazione di due punti informativi e di incontro; uno presso la piscina del parco Solari e uno in zona piazzale Susa. Nel frattempo è attivo il workshop organizzato da Metro 4 SpA per il 6 maggio.

PETIZIONE PRO METRO 4 CLICCA QUA

Nuovo: PAGINA FACEBOOK

TWITTER: @metroxmilano e #metro4subito

Model

M5 – Finalmente l’apertura della seconda tratta

Con 2 giorni di anticipo rispetto all’inaugurazione di Expo 2015, il Comune di Milano e ATM hanno aperto la seconda tratta della linea M5 da San Siro Stadio, che diventa il nuovo capolinea, a Garibaldi FS-M2.

Con l’inizio dell’operatività di questa tratta, la M5 raggiunge la lunghezza di 12,9 km e conta 14 stazioni: sono state aperte al pubblico infatti le stazioni di San Siro Stadio, San Siro Ippodromo, Segesta, Lotto M1 e Domodossola. Le rimanenti 5 stazioni (Monumentale, Cenisio, Gerusalemme, Tre Torri e Portello, che porteranno il totale della linea a 19 fermate) saranno aperte entro la fine dell’Expo, a ottobre 2015. A Tre Torri è presente un “camerone” per il rimessaggio e la manutenzione dei convogli.

Si tratta di un’importante giornata per il sistema metropolitano milanese: finalmente si vede la conclusione di un lungo percorso che ha portato alla realizzazione della linea Lilla e soprattutto si superano i 100 km di linee metropolitane. Milano comincia finalmente ad avere una densità di metropolitane pari a molte città europee.

Le stazioni della seconda tratta ricalcano il layout e le finiture di quelle già viste nella prima tratta, anche se è evidente una maggiore cura nella scelta dei materiali e nella loro posa. Rimangono alcune scelte di stile, finiture e colori non coerenti tra loro e con il resto della linea come ad esempio la molteplicità di colori utilizzati (magenta per porte ed elementi tecnici e corrimano, lilla per i corrimano della seconda tratta, beige per le pareti, grigio scuro e rosso mattone per scale e pavimenti).

Discorso a parte merita la stazione di San Siro Stadio, in cui per evidenti motivi di afflusso e gestione dei tifosi dello stadio è stato realizzato un ingresso con copertura e pareti metalliche che funge da prefiltraggio attraverso dei tornelli simili a quelli dello stesso stadio. Questi varchi permetteranno l’accesso di 500 persone per volta, impedendo il sovraffollamento sia nel mezzanino che al piano dei binari.

Aggiornamento cantieri Metro 4 e 5: aprile 2015

Intanto ecco una bella foto del Piazzale del Cimitero Monumentale, nel punto in cui, fino a un anno fa, c’era il deposito dello smarino (terra di scavo dei tunnel). Oggi tutti gli eleganti alberi sono tornati al loro posto, anche con esemplari nuovi che certo non sfigurano. Tutta la piazza è oggetto di intensi lavori di riqualificazione che, probabilmente, non sarebbero mai stati fatti senza l’arrivo della metro 5 lilla e della sua stazione. Una piazza rinata, rinnovata e “monumentale” a tutti gli effetti, dove tutti i peggiori incubi lanciati da qualche spaventato cittadino in merito alla metro 4, non hanno avuto nessuna concretizzazione a seguito dei cantieri della linea lilla che è la sua gemella!

17049528159_4f70b1bb1c_h

Per avere qualche aggiornamento sui cantieri della metropolitane 4 blu e 5 lilla vi rimando a questi link. Per la Metro 5, si tratta dell’ultimo aggiornamento per tutte le nuove dieci stazioni tranne che per Gerusalemme, Cenisio e Monumentale, dove i lavori continueranno ancora per qualche tempo. Le stazioni San Siro Stadio, San Siro Ippodromo, Segesta, Lotto e Domodossola saranno inaugurate il 29 aprile alle ore 11,30, nel pieno rispetto del crono programma pubblicato 5 anni fa, e con, lasciatecelo dire, una rapidità realizzativa che ha scarsi, se non nulli, esempi in Italia. Le restanti stazioni apriranno nell’autunno di quest’anno. Per ogni altra delucidazione non esitate a contattarci.
Per quanto riguarda la petizione, visto che i cantieri sono al momento assai ridotti (qualche cosa in Dateo), la petizione continua e vi invito a firmarla ancora perché nulla è scontato con la metropolitana 4.

METROPOLITANA 4 BLU CLICCA QUA

METROPOLITANA 5 LILLA CLICCA QUA

PETIZIONE PRO METRO 4 CLICCA QUA

TWITTER: @metroxmilano e #metro4subito

Metro 4: il nuovo caso degli espropri per gli ascensori esterni.

Immagine decorativa

mm4_corografia_2014_11

PETIZIONE PRO METRO 4 CLICCA QUA

Proprio ieri è scoppiata l’ennesima polemica sulla metro 4 blu. La stazione Tolstoj è stata di nuovo obiettivo dell’ennesimo articolo polemico scritto dal Corriere della Sera ad opera della giornalista Paola D’Amico, già nota per altri articoli ultra-polemici sulla metro 4 sopratutto nell’ambito della stazione Solari. Questa volta la polemica è stata sollevata dal Comitato Lorenteggio, i quali soci residenti a ridosso della stazione, si sono visti recapitare due distinti documenti: l’esproprio temporaneo di tutte le particelle nell’area della stazione, e l’esproprio definitivo per una piccola area di una del giardino dello stabile di via Lorenteggio 37 per collocarvi l’ascensore a servizio della stazione.

Tralasciando il caso degli espropri temporanei, un atto tipico all’avvio della realizzazione di un’opera pubblica come una metropolitana, che non produce, nella sostanza, nulla di concreto se non, in pochi inevitabili casi, la chiusura di qualche passo carraio (mai pedonale). In questo caso i residenti avevano raggiunto un accordo verbale con il Comune per evitare che vi fosse la chiusura dei passi carrai e i documenti di esproprio consegnati contraddicono questo accordo. La società M4 ha tenuto a precisare che si tratta ancora dei vecchi documenti che nel frattempo erano stati realizzati e ha immediatamente sospeso l’iter.
Sperando che la situazione degli espropri temporanei trovi subito una soluzione formale, anche tramite una rapida approvazione da parte della Giunta, delle modifiche ai progetti.

Discorso diverso per l’esproprio definitivo per l’ascensore della stazione Tolstoj. In questo caso davvero non capiamo l’accanimento irrazionale verso una soluzione che prevede l’acquisto di pochi metri quadri (potrebbero essere anche 4), al prezzo di 12000 euro, del giardino condominiale, per ubicarvi l’ascensore, evitando quindi di posizionarla sullo stretto marciapiede della via, portando via qualche “sacro” posto auto o qualche albero. Ma la cosa che aggrava ancora di più la nostra reazione rispetto allo sproposito della polemica, è il fatto che queste soluzione sono nate proprio a maggior tutela del comfort di tutti, per preservare l’assetto viario e del verde di molte strade, posizionato i necessari, ma obbiettivamente ingombranti volumi degli ascensori (maggiorati, in questo caso, per permetterne l’uso da parte dei ciclisti).

Ecco alcuni casi emersi nelle due metropolitane (MM3 gialla e MM5 lilla) costruite dopo la creazione dell’obbligo di realizzare gli ascensori per l’accesso dei disabili, più una nota sulla MM2 verde.:

MM3: STAZIONE MONTENAPOLEONE
L’ingresso all’ascensore e il vano stesso sono situati all’interno del palazzo “Armani”. In questo modo è stato possibile evitare il posizionamento del volume all’interno di Largo della Croce Rossa, permettendo l’installazione del criticato (a torto) monumento a Sandro Pertini e tutto l’allestimento circostante ad opera dell’Architetto di fama internazionale Aldo Rossi. Da notare anche la presenza di due filari di alberi collocati sopra l’area della stazione della metropolitana.

 

20150414_142109

20150414_142118

MM3: STAZIONE TURATI

Anche in questo caso, l’esiguo spazio disponibile in zona, ha richiesto il posizionamento dell’ascensore all’interno del palazzo sito in corso Turati, progettato da Giò Ponti. L’inserimento è talmente ben riuscito che l’ascensore si mimetizza completamente con il contesto.

mm3_turati_ascensore

MM3: STAZIONE SONDRIO

Questo è una caso un po’ anomalo, dal momento che la scala e il vano ascensore sono stati realizzati prima dell’edificio che li sovrasta. Tuttavia, anche in questo caso, la presenza dell’ascensore non ha influito sulla larghezza del marciapiede. In questo caso va anche considerato che lo spazio a disposizione è ridotto a causa della presenza del naviglio della Martesana.

mm3_sondrio_scala

MM5: STAZIONE PONALE

Le due scale, una fissa e una mobile, sono interamente collocate nel giardino condominiale dell’attiguo complesso. Il blocco scale è stato poi circondato con una cancellata che riproduce esattamente quella esistente. Questa soluzione ha permesso di non occupare il marciapiede, già di ridotte dimesioni, con due scale in linea, o, in altenativa, rinunciare alla scala mobile.

mm5_ponale_scala

MM5: STAZIONE MARCHE

In questo caso il blocco ascensore è stato collocato in un area di proprietà comunale permettendo l’installazione della rampa necessaria per creare il dislivello che protegge la metropolitana dalle esondazioni del Seveso. La rampa, posizionata in altro luogo, avrebbe richiesto l’abbattimento di numerosi alberi, come avvenuto nella stazione Zara, dove non vi erano alternative valide.

mm5_marche_scala

MM5: STAZIONE BIGNAMI

In questo caso solo la scala mobile occupa il terreno privato, vista la larghezza maggiore del marciapiede.

mm5_bignami_scala

MM2: LANZA

Questo è un altro caso particolare, si tratta dell’unica uscita della metropolitana di Milano in stile “inglese”, ovvero all’interno di un edificio invece che con scale esterne. Questa soluzione fu ideata quando la MM e il Comune presero in carico l’intero isolato “Fossati” compreso tra il Nuovo Piccolo Teatro e Corso Garibaldi, per demolirlo e costruirvi non solo i tunnel della metropolitana, ma anche un nuovo complesso abitativo. Poi, grazie all’interessamento della cittadinanza (niente di nuovo sotto il sole) l’isolato fu preservato, restaurato e rivitalizzato e si uso uno dei vecchi ingressi per collocarvi una delle uscite della stazione Lanza.

mm2_lanza_ingresso-palazzo_2011_2

mm2_lanza_isolato-fossati_planimetria_dettaglio_1977_1

Fonte immagini: Lanza e Montenapoleone copyright www.metroricerche.it, planimetri Lanza copyright Metropolitana Milanese SpA, le restanti immagini provengono da Google Street View.

PETIZIONE PRO METRO 4 CLICCA QUA

TWITTER: @metroxmilano e #metro4subito

Model